ZTE Corporation (0763.HK / 000063.SZ), uno dei principali fornitori internazionali di soluzioni tecnologiche per le telecomunicazioni, le imprese e i consumatori per l’Internet mobile, ha pubblicato un libro bianco sul suo 5G Summit & User Congress on Green 5G, “5G Energy Efficiencies, Green is the New Black”, scritto da GSMA Intelligence, leader nella ricerca globale su telecomunicazioni, media e tecnologia (TMT) e parte del più ampio GSMA.

Il libro bianco analizza il background e i principi della costruzione e del miglioramento dell’efficienza energetica delle reti di comunicazione nell’era 5G dagli aspetti della riduzione dei costi, dell’ottimizzazione delle prestazioni della rete, della sicurezza energetica e del contributo alla riduzione globale delle emissioni di carbonio. Inoltre, riassume la fattibilità del risparmio energetico e della riduzione dei consumi attraverso l’innovazione per quanto riguarda gli aspetti della rete di accesso radio e la pianificazione della rete in senso lato.

In base al libro bianco, per ridurre in modo sostanziale il consumo di energia delle stazioni radio base di accesso, ogni parte della rete 5G deve essere trattata singolarmente. Strumenti efficaci includono l’applicazione di soluzioni più efficienti per le batterie, la riduzione del consumo energetico delle apparecchiature, l’implementazione di stati di riposo più intelligenti guidati dall’intelligenza artificiale e una pianificazione più mirata della distribuzione della rete. Queste misure possono ottenere un risparmio energetico end-to-end e una riduzione dei consumi delle stazioni base di accesso radio e costruire una rete di comunicazione verde a beneficio delle persone.

Per aiutare la lotta agli obiettivi globali sul cambiamento climatico e ridurre i costi operativi della rete mobile, il risparmio energetico è diventato una delle principali priorità e della missione dell’industria delle telecomunicazioni. Mentre le reti mobili portano al pubblico un accesso, una convenienza e un intrattenimento quasi onnipresenti, mentre sempre più persone usano i loro smartphone per i servizi video e altri servizi che necessitano di larghezza di banda su LTE e 5G, il consumo di energia e di energia aumenterà in assenza di interventi. La rete di accesso wireless consuma la maggior parte dell’energia tra le reti mobili ed è considerata il principale fattore di consumo energetico. Come da white paper il traffico dati dovrebbe crescere di tre volte per utente da qui al 2025. La diffusione e l’espansione delle reti LTE e 5G porterà inevitabilmente una maggiore pressione sul consumo energetico della rete.

“L’energia rappresenta una parte molto ampia della base di costo per gli operatori, che va dal 20% al 40% di Opex in tutto il settore”, ha dichiarato Tim Hatt, responsabile della ricerca di GSMA Intelligence. “Le cose si stanno muovendo rapidamente con le tecnologie di rete ad alta efficienza energetica e un riequilibrio delle fonti di combustibile verso le energie rinnovabili, poiché un maggior numero di telco ha fissato ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni a zero emissioni e, alla fine, a zero emissioni nette”. Gli sforzi per l’energia e il clima sono ora obiettivi centrali e di primo piano come parte del fare business e non solo CSR”.

Negli ultimi anni, ZTE ha presentato oltre 500 domande di brevetto per l’innovazione 5G verde. Grazie ai chipset ad alte prestazioni sviluppati da ZTE, leader nella progettazione strutturale e negli strumenti intelligenti per il funzionamento della rete, ha costantemente ridotto il consumo energetico delle apparecchiature delle stazioni base wireless.

Basata sulle funzioni di risparmio energetico e sulla previsione del carico di traffico basata sull’IA, la soluzione di risparmio energetico di rete 4G e 5G di ZTE, PowerPilot, è la prima del settore ad introdurre il risparmio energetico basato sull’IA. Identificando i tipi di servizio e le loro differenze in termini di efficienza energetica, PowerPilot è in grado di valutare i requisiti di servizio in tempo reale e di supportare il servizio con reti a maggiore efficienza energetica per massimizzare l’efficienza energetica dell’intera rete.

Secondo i calcoli tipici della configurazione di rete, l’energia risparmiata dalla soluzione PowerPilot è il doppio di quella delle soluzioni convenzionali di risparmio energetico basate sull’intelligenza artificiale, e può risparmiare fino al 20% di energia in una rete multimodale, riducendo così efficacemente le spese operative. Ad oggi, la soluzione PowerPilot di ZTE per il risparmio energetico è stata implementata in più di 600.000 siti con oltre 20 reti in tutto il mondo, facendo risparmiare agli operatori oltre 1 miliardo di dollari di spese elettriche.

“ZTE ha sempre assunto la responsabilità del risparmio energetico e della riduzione dei consumi e si è impegnata a sviluppare tecnologie innovative”, ha dichiarato Jason Tu, portavoce tecnico di ZTE e principale scienziato dei prodotti NFV/SDN presso ZTE. “Aumentando l’efficienza tecnologica e i consumi, ZTE ha lavorato con gli operatori per costruire reti verdi 5G, per adempiere congiuntamente alla sua promessa di ‘Azione per il clima’ agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) dell’ONU”.

Di seguito sono riportati i link per accedere al libro bianco “5G Energy Efficiencies, Green is the New Black”:

https://res-www.zte.com.cn/mediares/zte/Files/PDF/white_book/202011241046.pdf

https://data.gsmaintelligence.com/api-web/v2/research-file download?id=54165956&file=241120-5G-energy.pdf

Per la breve introduzione del libro bianco “5G Energy Efficiencies, Green is the New Black”, cliccare il seguente link:

https://www.facebook.com/watch/?v=4692508470821594